Monday 25 March 2013

Qui e ora

Il colpo autentico … dal film La Leggenda di Bagger Vance

Share Button
Monday 18 March 2013

Il nostro tempo

 

Di recente ho visto il film “In Time” che mi ha fatto pensare a come utilizziamo il nostro tempo. La trama è questa: in un futuro prossimo il gene dell’invecchiamento viene debellato. Tutti nascono e crescono fino a 25 anni. Poi il loro tempo biologico si ferma. Da lì in poi però parte un contatore di tempo personale. Un orologio sottopelle ti dice quanto tempo ti resta da vivere. Se il contatore arriva a zero, sei morto.
Come fare a vivere di più? Semplice: il tempo diventa la moneta ufficiale. I nuovi ricchi sono quelli che hanno tempo per fare qualunque cosa, mentre i poveri sono quelli che lavorano ogni giorno per poche ore. Se si fermano, sono morti. Così, i poveri corrono, fanno le cose in fretta, non mangiano ma divorano, perché non possono avere un attimo di respiro. E 2 ore per un biglietto del bus, quando hai solo 1 ora e mezza da vivere, significa che devi arrivare a destinazione di corsa e sperare in un miracolo. Il Tempo diventa l’elemento su cui si regge l’intera umanità.

Riportando questa tematica alla nostra vita, noi non sappiamo quando sarà la nostra scadenza così … viviamo pensando di essere eterni, utilizzando il tempo in attività sempre uguali, ciclicamente. E poi un giorno, succede un evento che ci fa pensare che non siamo eterni. Il punto diventa: la mia vita è ed è stata degna di essere vissuta? Ho dedicato il tempo alle persone care e alle cose che volevo veramente fare? Se abbiamo qualche dubbio significa che è il momento di cambiare rotta perché la cosa più importante che abbiamo è il tempo.
Viviamolo senza sprecarlo, al meglio!

Share Button
Wednesday 13 March 2013

Basta crederci!

L’ingrediente segreto per la felicità si trova dentro di te…per rendere una cosa speciale devi solo credere che sia speciale.

Share Button
Wednesday 27 February 2013

Essere autentici

Charalambos Vlachoutsicos in un articolo riportato recentemente dall’Harvard Business Review ci spiega la difficoltà che ha incontrato ad essere veramente autentico.
Secondo il professore dell’Università di Atene per essere veramente autentici è necessario conoscere chi siamo…ma è più semplice a dirsi che a farsi. In alcune situazioni, pur avendo chiaro quali sono i nostri valori, le nostre decisioni sono guidate da aspirazioni e insicurezze che portano a un comportamento incoerente, che riflette il divario tra la realtà e l’immagine di sé.
Vlachoutsicos sottolinea, inoltre, che una volta chiari i nostri valori fondamentali, questi si possono sviluppare con il nostro percorso: ciò che sembra coraggioso a 18 anni, a 40 può sembrare temerario. In alcune situazione c’è la possibilità che alcuni dei nostri valori possano “tirare”in due direzioni opposte… si tratta di trovare un punto di equilibrio!

Share Button
Wednesday 20 February 2013

Corso Professional Coach a Milano

Sono aperte le iscrizioni per la prossima edizione del corso European Professional Coach Training a Milano.
Cliccando qui potete visualizzare il programma del corso.
Ecco le date:
Milano: Marzo – Luglio 2013
1 modulo 28/29 Marzo
2 modulo 22/23  Aprile
3 modulo 20/21 Maggio
4 modulo 17/18 Giugno
5 modulo con esame  16/17 Luglio

Il corso avrà un numero minimo di partecipanti di 8 persone e non eccederà 12 partecipanti.
Per iscriversi basta inviare una mail a organizzazione@growbp.it alla quale risponderemo inviando la scheda di iscrizione e le modalità di pagamento.
Per ogni ulteriore informazione al riguardo guarda la pagina dedicata del sito.
Share Button
Thursday 7 February 2013

L’arte di saper gestire le emozioni

L’arte della leadership è quella di aiutare le persone a raggiungere e a rimanere nello stato ottimale per le prestazioni, questo significa mantenere le persone nello stato migliore per la loro mente.
Questo stato ottimale è chiamato “flusso”.

Daniel Goleman ci parla di come generare lo stato mentale ottimale per ottenere il massimo rendimento.

Il maggiore esperto mondiale di Intelligenza Emotiva spiega il perché sentirsi bene al lavoro porti a conseguire ottimi risultati e come diffondere le emozioni che promuovono il successo.

Questo il video.

Share Button
Tuesday 29 January 2013

Un equivoco della leadership


Perché la nostra associazione tra Leader e boss è fondamentalmente sbagliata?

Perchè associamo automaticamente la parola leader con qualcosa di superiore e slegato dal resto, una posizione speciale che non possono avere tutti. Esperto di systems thinking, Peter Senge ci consiglia di non limitare la nostra idea di leadership alla gerarchia, ma arrivare a oltrepassare i nostri limiti.

Questo il video.

Share Button
Thursday 24 January 2013

Successo e consapevolezza

Ci esprimiamo normalmente attraverso i nostri comportamenti, che sono la risultante di pensieri ed emozioni. Ma i nostri pensieri sono anche il frutto delle nostre conoscenze e competenze, ovvero di tutto ciò di cui siamo consapevoli.
Ecco che la consapevolezza diventa la base del nostro fattore di successo.
Ma quali sono le qualità di una persona di successo? Fondamentalmente due: qualità emotive e qualità intellettuali. Le qualità intellettuali sono allenate quotidianamente mentre le qualità emotive si esprimono spesso senza che l’individuo ne sia pienamente consapevole. Ci chiediamo: esiste una modalità che ci consente di esprimere appieno il nostro potenziale?
Quali i principali ostacoli? Il coaching può essere una risposta, una metodologia utile per esprimere potenzialità che tutti noi abbiamo e che, se non ‘allenate’ rischiano di rimanere ‘latenti’!
Leggi l’articolo di Claudia Crescenzi.
Share Button
Thursday 17 January 2013

Un racconto su due cervelli

Avete mai avuto la sensazione di essere troppo diversi dal vostro partner?
Se è così, leggete il “Gli uomini vengono da marte, le donne da Venere” di John Gray. L’ipotesi da cui parte l’autore è molto semplice: gli uomini e le donne hanno due modi diversi di pensare, di amare.
I comportamenti di entrambi assumono spesso significati diametralmente opposti. Per esempio, l’uomo in determinati momenti della sua giornata ha bisogno di “ritirarsi nella sua caverna”, in solitudine, la donna, alle prese con le stesse problematiche, sente di dover condividere i propri sentimenti con gli altri.
Il dialogo, contrariamente a quanto si possa pensare, non è però impossibile, anzi: nel momento in cui si imparano a riconoscere e apprezzare le differenze tra i due sessi, tutto diventa più facile, le incomprensioni svaniscono e i rapporti si rafforzano. E, cosa più importante, si impara a rispettare, amare e sostenere nel modo migliore le persone a noi vicine.

Non siete convinti?
Guardate questo simpatico video dove Mark Gungor spiega in modo divertente come funzionano i cervelli maschile e femminile:

Per un 2013 ricco di diversità!

Share Button